Il cigolio alternato dei ganci dell’amaca: è la ninna nanna dei poveri.
La brezza tesa del mese di novembre accarezza le palme tra cui dondolo; l’oceano ronca, calmo, nell’ora di bassa marea. Milletrecento chilometri dall’equatore... Un po’ più a sud.

Il sole è già alto alle otto: dodici ore di luce e dodici di buio, sempre. Il bianco delle dune sbatte contro l’azzurro del cielo e il verde del mare e le nuvole passeggiano all’orizzonte quasi supine sotto la carezza dell’aliseo di sudest.
Ho già fatto la nuotata mattutina. Sono solo, solo con l’odore dei tropici, un misto di salsedine, alghe, pesce. Abbronzato, asciutto, capelli secchi, la pelle aspra, le rughe accentuate, lo sguardo uguale a quello di un vecchio marinaio: profondo e perso.

Libri storie di droga, storie di psicopatia la visione di un mondo nuovo​ 

la pace è dentro di te, non cercarla altrove

FOLLOW ME

  • Facebook Classic
  • Instagram

© 2015 by marco di gianvincenzo. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now
vela negra.jpg

Questa è la storia di un viaggio a bordo di unabarca a vela, attraverso l’oceano Atlantico, dall’Italia al Brasile. Lo scopo, in un secondo momento, si dimostra quello di trasportare un carico di cocaina dal Brasile ai Caraibi. Finisce in un tragico arresto e da origine ad una storia di morte, sofferenza e tristezza. L’autore ha voluto trasmettere un “avviso ai naviganti” meno esperti su cosa può nascondersi dietro al fascino del mondo del crimine e racconta, con la propria esperienza vissuta,